Home > Primo piano > l’anno della lepre

l’anno della lepre

28 Febbraio 2009

Due giorni e l’ho finito. Sono stata trascinata dalla scrittura semplice e descrittiva, sono stata catturata dalle peripezie boscaiole del personaggio principale che si ritrova a vivere una vita finalmente sua. A Natale ho ricevuto questo libro come regalo e non potete immaginare la mia gioia. Nessuno si azzarda ed invece Vincenzo, un mio carissimo amico, ha osato. Bellismo. Lo scrittore è un findalandese e sono condotta nei territori nordici bianchi, freddi e solitari. Il protagonista è un gioranlista che di ritorno con il suo amico fotografo da una "missione" lavorativa investono una lepre. Fugge. Decide di seguire la lepre ferita per scappare dal su lavoro, da sua moglie e dalla sua non-vita. Eccovi la descrizione: "Giornalista e fotografo erano due persone  ciniche, infelici. Prosimi alla quarantina, erano ormai lontani dalle illusioni e dai sogni di gioventù, che non erano mai riusciti a realizzare. Sposati deusi traditi, entrambi con un inizio d’ulcera e una quotidiana razione di problemi di ogni genere con cui fare i conti." Cosa sarà accaduto? Qual è la fine?

Non è facile trovare il libro (è del 1994), ma spero riusciate a scovarlo da qualche parte.

Titolo L’anno della lepre

Autore Arto Paasilinna

Prezzo € 11,00
Editore Iperborea

  1. 28 Febbraio 2009 a 10:13 | #1

    Ciao ste,beata te che trovi il tempo di leggere.E’ veramente un’ottima abitudine.

  2. 28 Febbraio 2009 a 11:01 | #2

    buon weekend, dolce omonima …
    un bacio …

  3. 28 Febbraio 2009 a 20:48 | #3

    e certo che sei un a bella tipetta!, nessuno osa! solo un carissimo amico. Sarà difficile trovarlo ma mi metto in movimento. Un saluto e buon fine settimana.

  4. 1 Marzo 2009 a 19:18 | #4

    nessuno osa? perchè? che rispondi a chi sceglie il libro sbagliato da regalarti??? ha ha ha

    o perchè sei la più esperta di tutti essendo il tuo campo? ;-)

    ciao buona settimana

  5. 1 Marzo 2009 a 21:12 | #5

    non l’ho letto :)

    certo che ti aiuto dimmi cosa devo fare e lo farò volentieri ciao ste.

  6. 2 Marzo 2009 a 16:15 | #6

    Che dire… grazie per i bei complimenti! E anche per il suggerimento del libro

    un sorriso dolce dal vento

  7. 3 Marzo 2009 a 18:28 | #7

    Ciao Ste… Sono tornata…

    Ti va ancora di venire a trovarmi nel mio mondo?

    Io ti aspetto!!!

    Un abbraccio.

  8. Ami
    4 Marzo 2009 a 8:35 | #8

    Ciao!

    Grazie per i complimenti al mio blog! :-) ))

    Ti ho inserita tra gli amici e anche io tornerò a trovarti.

    Il libro che descrivi mi sembra molto interessante e mi affascina il fatto che parli delle Finlandia che ho visitato da rtagazzino e mi piacerebbe molto tornarci, soprattutto in Lapponia e portarcci il mio piccolo Mattia.

    Spero di andarci in dicembre così avrà 2 anni e 4 mesi e qualcosa del viaggio gli resterà.

    Salutoni :-)

  9. 5 Marzo 2009 a 8:57 | #9

    …che le cose cambiano.. e poi ritornano ;-)

  10. 5 Marzo 2009 a 11:12 | #10

    Cerchiamo sempre di fuggire dal quotidiano, in fondo siamo animali liberi e viviamo d’apparenza. L’intimo a volte si ribella alle regole che questa vita c’impone e ci da l’illusione che evadere sia la soluzione.Poi si ritorna quasi sempre all’ovile e chi si rifà una vita abbandonando la prima avrà comunque di nuovo la sua chimera, perchè passata la passione momentanea si scompare di nuovo.

  11. 5 Marzo 2009 a 11:43 | #11

    Eccomi a te per ricambiare il tuo essenziale saluto. Dici che si deve commentare pure il post o posso farne a meno? :-)
    Attendo la comunicazione e ti auguro una splendida giornata.

  12. 5 Marzo 2009 a 18:27 | #12

    Devo ammettere che data la trama non sarebbe il mio genere… ma chissà.

  13. 10 Marzo 2009 a 11:34 | #13

    LO VOGLIO!!!!
    Amo gli scrittori scandinavi…li adoro così tantrop che sto pensando di andare a fare un viaggio perchè i luoghi che descrivono mi entrano dentro…

  14. Paola
    10 Marzo 2009 a 11:40 | #14

    Ovviamente “Piccoli suicidi tra amici”, dello stesso autore, è splendido…se non lo hai letto, te lo consiglio vivamente…:-)

  15. 11 Marzo 2009 a 11:38 | #15

    I tuoi libri li consiglierei fortemente a molti dei nostri politici, magistrati, giornalisti che hanno molta difficoltà con la lingua italiana ed un pessimo rapporto con il congiuntivo ed il condizionale….

    un bacione, Ste

  16. 12 Marzo 2009 a 7:41 | #16

    notizia…: quasi da scoop!

    ho iniziato a leggere un libro!:)

    Mi è stato regalato per Natale… pure a me..

    inviato via internet da un grande amico..

    Il libero è Ultimo giro in giostra…



    tornando piano piano … ti abbraccio sempre caramente..

    Ciao Ste

    Lisa

I commenti sono chiusi.